I PARIETI – SCAZZARIDDE

28,00

VERDECA 55% MINUTOLO 45%, ALCOL 12%, ITALIA, PUGLIA

Descrizione

Nasce da vigneti allevati a guyot e cordone speronato su terreni calcareo-tufacei. La vendemmia avviene manualmente in piccole cassette nel prime ore del mattino tra fine settembre e inizi di ottobre. I suoi due varietali principali vengono vinificati separatamente in tini aperti. Circa il 20% del mosto resta a contatto con le bucce per alcuni giorni. A fine fermentazione continua l’affinamento sulle fecce fini in acciaio per almeno 7 mesi.

Vitigno: Verdeca 55%, Minutolo 45%
Gradazione alcolica: 12%
Vinificazione: in acciaio
Solfiti: aggiunta minima prima dell’imbottigliamento
Affinamento: su fecce fini per sette mesi
Bottiglie prodotte: 3700

Quella di Matteo non è una storia di vignaioli da generazioni, ma la sua famiglia – come tante in Puglia – si è sempre sporcata le mani con la terra. Dal nonno paterno, che soleva autoprodursi il Primitivo in masseria, a quello materno, apprezzato potatore e innestatore di viti ed ulivi, influenze e condizionamenti non sono certo mancati.

Astemio sino a vent’anni, l’avvicinamento e il pieno coinvolgimento nel mondo del vino e dell’enologia avvengono immediatamente dopo, sanciti da un viaggio studio a Bordeaux e da perlustrazioni nel Barolo, nel Barbaresco, a Bolgheri, in Franciacorta, Friuli, Irpinia, Chianti e ancora Francia – tra Champagne e Borgogna – alla scoperta sia di grandi aziende sia di piccoli produttori. Da agente, nel frattempo, diventa prima capo area di Antinori, poi responsabile commerciale e marketing di Tormaresca per dieci anni e infine responsabile della cantina biodinamica di Cefalicchio e Ognissole per cinque.

Vent’anni di esperienza che confluiscono in un progressivo riavvicinamento alla terra, all’agricoltura e al lavoro in cantina, evolvendosi da promotore a produttore di vino. Un riavvicinamento che culmina nel ritorno alla masseria di famiglia, tra le Murge, a quel “pugno di pietre” lasciatogli dal nonno paterno (‘u tataranne dell’omonima etichetta) che scopre poi celare – tra gli altri – un vigneto più significativo con allevamento ad alberello impiantato nel 1959 da un ramo della sua famiglia. Un tassello di quell’eroico patrimonio agricolo in via di estinzione a cui – con il progetto de I Parieti – ha deciso di restituire dignità e valore.

Informazioni aggiuntive

provenienza vino

,

vino

Orange

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Solamente clienti che hanno effettuato l'accesso ed hanno acquistato questo prodotto possono lasciare una recensione.

Titolo

Torna in cima